Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

english

you are here: Home Veneto Asiago Plateau Rotzo

Stay

Visit a locality browsing the menu on the left. In each Italy area you can then choose the best touristical structures we are proposing.

Print this page Send to a friend by e-mail

Share:
fb-like
g-plus

Rotzo

Description

Several theories have been developed to explain its name: among the most reliable, it seems that it derives from the Latin word "roteus" (enclosed place), while for some, it draws its roots from the ancient cimbro "rotts" (rock). Municipality in the province of Vicenza, located in the Val d'Assa, Rotzo lies between a beautiful and unspoiled mountain scenery, on the border with Trentino Alto Adige. The surrounding environment offers several opportunities for excursions in direct contact with nature.
The discovery of the remains of the settlement of Bostel, dating from the Iron Age, has revealed that the area was inhabited by Paleovenitian populations. It is known that the lands were occupied by the Cimbri, a Germanic population. The first document attesting the existence of the center dates back to 917. The vast territories, including Rotzo, were donated by King Berengar to the Bishop of Padua and in the XIII century, the same were conquered by the Ezzelini, and later were granted to the Scala and to the Visconti. In 1310 seven municipalities created a confederation, the Regency of the Seven Towns, a state within a state with a considerable autonomy, recognized also by the Serenisima Republic of Venice, when, in the XV century, Rotzo was included within its boundaries. The regency was abolished by Napoleon in 1807.

Attractions:
- the Church of Santa Margherita, whose construction, for the local traditions, is traced back to the X century, while it was first mentioned in a documents of the late XV century. Renovated several times, it looks very simple, the façade has no openings except for a circular skylight at the center of the tympanum. On the right side, the building is flanked by a Bell Tower;
- the small Church of San Rocco equipped with a gable, built after the terrible plague in the XVII century, which decimated the local population;
- the Parish Church of St. Gertrude, built in the XIII century, has submitted several renovations over the centuries;
- the Bostel, a hill that was home to the first inhabitants of the plateau. In the first half of the XVIII century, the remains of about forty houses, pieces of pottery, bones, iron objects, weapons and tools have been unearthed here.

Map

This town web page has been visited 30,193 times.

Choose language

italiano

english