Locali d'Autore

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Locali d'Autore

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

 

english

you are here: Home Piedmont Gesso and Vermenagna Valleys Robilante

Stay

Visit a locality browsing the menu on the left. In each Italy area you can then choose the best touristical structures we are proposing.

More About

Here you can find info and tips about the area you are visiting.

Print this page Send to a friend by e-mail

Share:
fb-like
g-plus

Robilante

Description

On the origins of the town's name there are different opinions: for some it derives from "Rubilans" (red soil of the nearby hills), for others from "Ribolendus" (gurgling stream for its location near to the river Cialancie) and finally from the Latin "robur" (oak or force).
A municipality in the province of Cuneo, in the center of Val Vermenagna, it borders with Roccavione, Roaschia, Vernante with which, in the past, disputes on the borders were frequent. The territory of Robilante is rich of chestnut and oak woods.
The town was already documented in a deed of 1041, in which it became a belonging of the Bishop of Asti. It already had its own council board in 1571, but records are traceable only since 1599. Subject to the domain of the Abbey of Borgo San Dalmazzo, after its direct involvement in the struggles of Monferrato and being subjected briefly to the Marquis of Saluzzo, during the Angevin domination and was included in the district of Cuneo to pass in the XIV century to the Marquis of Ceva, who proclaimed oath of allegiance to Count Amadeus of Savoy. In the early XVIII century it was granted in fief to Massimo Carostia. Later, the Savoy divided the district, and after a period under the French rule, the municipality returned to the province of Cuneo with the Prince Albert's reform of 1859.

Not to miss:

- the Parish Church of San Donato, patron Saint of the town, built in the XVIII century. It features a valuable façade with several frescoed ceilings, recently renovated, and it houses a wooden crucifix dating from the XIV century. The church is flanked by the Bell tower, which stands on the ruins of an existing Roman structure. Before the XVII century it appeared in the Romanesque style, tall and thin, embellished with fine mullioned windows, then to allow the addition of new bells and dials the hour, the entire structure was covered with a layer of stones that has greatly burdened everything. Not far from the church it is possible to admire a XV century fresco depicting the Madonna and Child.
- the Chapel of St. Anne, a single nave building, situated in a dominant position in the town, from where it is possible to enjoy a magnificent view. Until the first half of the XVIII century it was dedicated to St. Bernard, of which many are frescoes depicting scenes from the life of the saint.
- the Chapels in the nearby rural areas.

Map

This town web page has been visited 15,201 times.

Choose language

italiano

english